image

Museo Archeologico Nazionale di Melfi

Il Museo Archeologico Nazionale Massimo Pallottino si trova a Melfi, un paese dell’area nord della Basilicata a pochi chilometri dal confine pugliese ed è ubicato all’interno del castello federiciano, un imponente maniero normanno-svevo che domina il centro storico del paese.
image
Il castello, oltre ad essere stato testimone di importanti avvenimenti che hanno segnato la storia dell’Italia del sud, è anche meta di molti studiosi e appassionati di storia medievale essendo uno dei castelli che si sono conservati meglio nel sud Italia. Il primitivo impianto normanno dell’anno 1000 fu ampliato e modificato a partire dalla dominazione degli Svevi intorno al 1200 fino alla dominazione Aragonese dalla metà del XVI secolo. Al corpo originario furono aggiunte torri e nuovi corpi di fabbrica che fanno di questo castello uno dei più grandi e suggestivi d’Italia.
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi Massimo Pallottino di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi
  • Museo Archeologico Nazionale di Melfi

Il percorso espositivo

Il museo archeologico Massimo Pallottino ospitato all’interno di alcune sale del castello, documenta le ricerche archeologiche svolte nel comprensorio del Vulture-Melfese e presenta reperti che vanno dall’età arcaica alla conquista romana. Si articola su due piani all’interno del maniero normanno-svevo. Vi sono esposti corredi funerari che vanno da VII al III sec..a.C., caratterizzanti le fasi più antiche costituiti da raffinate ceramiche daunie a decorazione geometrica, armature in bronzo e da preziosi ornamenti in oro, argento e ambra oltre che da vasi in bronzo di produzione sia greca che etrusca.

Riferibili ai secoli IV e III a.C. sono le ceramiche magno greche a figure rosse e i monumentali vasi con decorazioni policrome con figure applicate di produzione canosine rinvenute a Lavello, l’antica Forentum. La fase romana è invece rappresentata dal sarcofago di Rapolla un eccezionale opera scultorea in marmo del II sec. d.C. probabilmente realizzato da maestranze dell’Asia Minore che presenta sul coperchio la defunta dormiente e sui lati il racconto parafrasato della guerra di Troia e alcune figure di divinità ed eroi. Nelle sale dedicate ai “Doria”, signori di Melfi dal 1531, è collocata una quadreria con dipinti di ispirazione venatoria del 600 e del 700 e un telero raffigurante lo stato di Melfi.

Di prossima apertura sarà la sezione medievale collocata nella Torre del Marcangione in cui i vetri incisi costituiscono un vero punto di forza. Ceramiche invetriate, smaltate e graffite oltre a lucerne e un esemplare di anfora normanna completano questa nuova sezione espositiva. A compimento del percorso museale lo speciale “contenitore” sarà fruibile in molte sue parti: Sala del Trono, Cappella sveva, Cappella Doria, Cisterna, Scuderie e Cortili.
  • Museo Archeologico di Melfi
  • Museo Archeologico di Melfi
  • Museo Archeologico di Melfi

Informazioni

image
Museo Archeologico Nazionale Massimo Pallottino di Melfi
Castello Normanno - Svevo
via dei Normanni
85025 Melfi (Pz)

Orari
Lunedì 14:00 - 20:00
Martedì - Domenica 9:00 - 20:00

Email

Tel: +39 0972 238726

Informazioni

image
Museo Archeologico Nazionale Massimo Pallottino di Melfi
Castello Normanno - Svevo
via dei Normanni
85025 Melfi (Pz)

Orari
Lunedì 14:00 - 20:00
Martedì - Domenica 9:00 - 20:00

Email

Tel: +39 0972 238726
flagHome×